Login

Registrazione

Registrazione utente
o Annulla
Login Chiudi
---

Il Volo delle Aquile

---
A+ A A-

La concupiscenza

Spiegazione del significato del termine concupiscenza.

Premessa: 

Il termine "concupiscenza" nella bibbia viene usato per indicare il "desiderio ardente di qualcosa", ma con una connotazione negativa in quanto l'oggetto del desiderio è contrario alla volontà di Dio e induce al peccato. 

Leggiamo qualche esempio:

  • Ma siate rivestiti del Signor Gesù Cristo e non abbiate cura della carne per soddisfarne le sue concupiscenze. Romani13,14
  • Ora quelli che sono di Cristo hanno crocifisso la carne con le sue passioni e le sue concupiscenze. Galati 5,24
  • per essere rinnovati nello spirito della vostra mente, e spogliarvi, per quanto riguarda la condotta di prima, dell'uomo vecchio che si corrompe per mezzo delle concupiscenze della seduzione. Efesini 4.22-23
  • Anche noi infatti un tempo eravamo insensati, ribelli, erranti, schiavi di varie concupiscenze e voluttà, vivendo nella cattiveria e nell'invidia, odiosi e odiandoci gli uni gli altri.Tito 3,3
  • Ciascuno invece è tentato quando è trascinato e adescato dalla propria concupiscenza.
  • Poi quando la concupiscenza ha concepito, partorisce il peccato e il peccato, quando è consumato, genera la morte Giacomo 1,14-15
  • Come figli ubbidienti, non conformatevi alle concupiscenze del tempo passato, quando eravate nell'ignoranza,1 Pietro 1,14
  • perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e l'orgoglio della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo
  • E il mondo passa con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno..1 Giovanni 2,16-17
Meditazione: 
Che cos'è la concupiscenza? Questa parola ha diversi significati. Deriva dal greco "epithymia" che letteralmente significa: desiderio, brama, bramosia. 

In tutta la Bibbia questa parola ricorre trentotto volte, tuttavia se facciamo un'attenta analisi riguardo questo soggetto, scopriremo che essa è presente in quasi tutto il contesto della Parola.


Il significato della parola concupiscenza non si limita ai vocaboli sopra menzionati, essa è qualcosa di più complesso: concupire vuol dire avere pensieri ed immagini che non sono in accordo alla volontà di Dio, non si limita alle cose sensuali ma riguarda tutto ciò che è contro Dio e la Sua Parola. È, in definitiva ciò che precede l'azione del peccato materiale. 

Nella storia la concupiscenza appare per la prima volta per mezzo di Lucifero. L'episodio è riportato in Isaia 14:13,14, dove si legge: "Tu dicevi in cuor tuo: io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio" (vedi anche Ezechiele 28:16,17). Lucifero era l'angelo più potente, al di sopra di lui non c'era che Dio. L'orgoglio lo portò ad arrivare a pensare di poter diventare il Primo, nessuno al di sopra di lui. Egli pensò e pensò, fino a quando questo pensiero divenne un desiderio ardente dimorante nella sua mente. La concupiscenza è la carie del cervello, distrugge la nostra mente, incentra le nostre passioni verso il nostro io carnale. 

Ma come si sviluppa la concupiscenza nella nostra mente? È qualcosa di incontrollabile o possiamo evitarla? Possiamo senza ombra di dubbio affermare che il cristiano nato di nuovo ha la facoltà di non concupire e quindi di non peccare. Ciò è dimostrato in Galati 5:24: "Ora quelli che sono di Cristo hanno crocifisso la carne con le sue passioni e le sue concupiscenze". 
La concupiscenza quindi può essere dominata ed allontanata dalla nostra mente (cfr. Tito 2:1,2; 1 Pietro 2:11). Troviamo conferma anche in Genesi 4:7: Dio dice a Caino, "il peccato sta spiandoti alla porta, ma tu lo devi dominare". Caino stava formulando pensieri malvagi nel suo cuore, stava desiderando la morte di suo fratello Abele; quindi Dio disse: "...ma tu lo devi dominare". Caino doveva dominare la concupiscenza, scacciare il pensiero malvagio, invece lo fece dimorare nella sua mente e peccò uccidendo suo fratello. 

Il diavolo tenta il cristiano non nello spirito, qui egli non ha accesso. Egli lo tenta attraverso la mente, i pensieri. Non entra nella mente delle persone, ma cerca di farle ragionare in un certo modo; da lontano lancia qualche amo (suggerimento) per farci abboccare. Satana tentò Eva facendola ragionare in questo modo: "Ha Dio veramente detto: non mangiate di tutti gli alberi del giardino?" (Gen. 3:1). Eva cominciò a discutere e ragionare con il serpente. Anziché scacciare colui che metteva in dubbio la Parola di Dio, cominciò a pensare fino a cadere nella trappola del diavolo. È facile perdere delle battaglie combattendo i nostri pensieri, la nostra mente è così razionale che dobbiamo per forza di cose assecondarla. Combattiamo dunque nello spirito e non nella mente, sapendo che la vittoria è nostra per mezzo del Sangue dell'Agnello. Seguiamo il consiglio della Parola che dice: "Sottomettetevi dunque a Dio, resistete al diavolo ed egli fuggirà da voi" (Giac. 4:7).


Mission

Questa è l'immagine che ho di quanti, iniziando a volare nel cielo della vita, si spingono come aquile al di sopra delle maestose immense montagne, oltre le nuvole, quasi a toccare l'infinito che blu diventa dove l'azzurro finisce.

Location

Chiesa Cristiana Evangelica

Via Galati, 85

95126 Catania (CT)

Italia

Contatti

(+39) 095 000 000 000

(+39) 340 68 64 045

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.ilvolodelleaquile.it

Staff

Direttore: Elisa Romeo

Fotografia: Enzo Carrubba

Video: Elisa Romeo

Webmaster: VinX.org

Copyright Il Volo delle Aquile 2002-2012. All rights reserved.

Design by VinX.org